Archivio Puntate

Puntata 90: Agile oltre l’IT con Fabio Armani

Il Manifesto Agile per lo sviluppo del software nasce, come dice il nome stesso, nel mondo IT. In questa intervista a Fabio Armani, uno dei pionieri dell’ Agile in Italia, abbiamo esplorato l’applicazione di questo mindset anche ad altri settori come HR, Marketing, Budgeting.. La parola Agile in questi casi è solo a corredo, è solo marketing, oppure c’è qualcosa di concreto? Attraverso l’esperienza di Fabio come Coach abbiamo cercato di rispondere a questa domanda, abbiamo cercato di capire quali problemi si cercano di risolvere, quali obiettivi si danno le aziende, quali pattern vengono utilizzati e sopratutto da quali insegnamenti derivanti da 20 anni di esperienze nel mondo IT potremmo prendere spunto per avere successo.

FEATURED

Puntata 89: Agile Coding Practices con Matteo Baglini

In occasione del corso su “Agile Coding Practices” realizzato a CCH Tagetik, l’azienda in cui Matteo e Lapo lavorano come Agile Coach, abbiamo realizzato un’intervista a Matteo Baglini, Co-founder di doubleloop e Technical trainer di Avanscoperta, in cui abbiamo parlato di queste pratiche, del perché sia importante padroneggiarle, di come queste incarnino i principi dell’agilità e da dove partire per portare queste tecniche all’interno dei nostri team.

FEATURED

Puntata 88: Da Scrum a Scrum@Scale con Paolo Sammicheli

In questo episodio, insieme a Paolo, abbiamo fatto un viaggio dalle origini di Scrum fino a Scrum@Scale. Scrum è un framework di processo, mentre Scrum@Scale è un framework organizzativo, ma entrambi condividono gli stessi valori.
Il messaggio di questa intervista è che se cerchiamo di vedere Scrum come una serie dei vincoli che ti forzano ad avere un comportamento virtuoso, potremmo dire che le difficoltà nell’applicarlo all’interno della nostra azienda andrebbero viste come opportunità.
Se un Azienda prova a fare Scrum e non riesce ad implementare una delle 11 regole, è un sintomo che va analizzato e curato alla radice, per far cambiare l’organizzazione verso qualcosa di meglio.

FEATURED

Puntata 86: Scrum for Hardware con Paolo Sammicheli

Finalmente anche sul nostro podcast l’intervista al nostro amico e coach Paolo Sammicheli.
In queste episodio siamo partiti dalle presentazioni, Paolo ci ha raccontato del suo percorso, ma sopratutto abbiamo parlato di Scrum For Hardware, del progetto Wikispeed, di come Scrum viene utilizzato in SAAB Aeronautics e del perché oggi un’azienda potrebbe aver bisogno di Scrum.

Libro: Scrum for Hardware di Paolo Sammicheli

FEATURED

Puntata 84: Il ruolo del Facilitatore con Davide Tarasconi

Con questa intervista a Davide Tarasconi, Agile Coach di Agile Reloaded, siamo andati ad approfondire uno dei ruoli più sottovalutati di uno Scrum Master/Agile Coach, quello del “facilitatore“.
Cosa vuol dire facilitare un evento Scrum? Come si facilita uno Sprint Planning? E un Backlog refinement? Qual’è il ruolo della visualizzazione e dello sketch noting? Come possiamo migliorare le nostre skill di visual facilitation? Che strumenti possiamo usare per aiutare i team a rendere i meeting efficaci?
Questo e tanto altro in questa puntatona pre-natalizia

Suggerimenti di lettura

FEATURED

Puntata 83: Il lavoro dello Scrum Master con Stefania Marinelli

Vi siete mai chiesti cosa fa, o cosa dovrebbe fare uno Scrum Master? Come Scrum Master vi siete mai trovati in difficoltà a spiegare a qualcuno in cosa consiste il vostro lavoro?
Stefania Marinelli in questa intervista a IAD2019 ci ha raccontato in quali aree si muove uno Scrum Master, quali attività dovrebbe fare in base ai bisogni del team e come si dovrebbe comportare in determinate situazioni.

FEATURED

Puntata 82: Agile vs Taylor con Cristiano Giardi

Bisogna conoscere il passato per capire il presente e orientare il futuro” [Cit. Tucidide 431 404 a.C.]
Allo stesso modo, per capire a fondo i principi e i valori dell’agilità è necessario conoscere a fondo anche i punti cardine del Taylorismo, la teoria nata in USA agli inizi del ‘900 che ha rappresentato l’origine del l’evoluzione dei sistemi produttivi del secolo scorso.
In questo confronto ci ha guidato il nostro amico Cristiano Giardi a IAD 2019.

FEATURED

Puntata 81: In Code we trust con Marco Fracassi

In questa intervista a IAD19, Marco Fracassi ci ha raccontato che come sviluppatori dovremmo prestare maggiore attenzione al nostro codice piuttosto che dedicare tempo alla costruzione di altri artefatti come commenti, documentazione, etc.
Capiamo insieme a Marco perché il codice è l’unica vera fonte di verità.

FEATURED

Puntata 80: Dalla dipendenza alla libertà di rilasciare in produzione con Ignazio Dadduzio

A IAD 2019 Ignazio Dadduzio, Agile Coach di Hotels.com, ci ha raccontato del viaggio di un team che parte dalla prigione della “dipendenza” alla libertà del Continuous Delivery.
Non è pura utopia, ma qualcosa di reale.
E’un percorso che dura da quasi 10 anni, e che ovviamente, non è ancora finito.

FEATURED

Puntata 79: Iterativo Incrementale e Mindfulness con Marco Massarotto

Il termine “iterativo e incrementale” ci risulta ormai familiare… Ma capiamo davvero cosa significa. Ce lo ha spiegato Marco Massarotto a IAD 2019 che oltre a questo ci ha dato anche degli ottimi consigli utili su come poter usare la “Mindfulness” per supportare il cambiamento, padroneggiare se stessi e acquisire consapevolezza.

FEATURED

Puntata 78: Coding Gym con Marco Arena

Per diventare un bravo sviluppatore software non basta programmare bene ma è altresì necessario saper interagire con il proprio team di lavoro e comunicare efficacemente le proprie idee.
Si tratta di soft-skills che possono essere allenate con pratica costante e così come per allenare i muscoli dobbiamo andare in palestra, per allenare queste skills e diventare professionisti migliori dobbiamo andare alla “coding gym” (https://coding-gym.org). Marco Arena all’ultimo IAD a Modena ci ha raccontato di questo fantastico format, mi raccomando cerchiamo di portarlo in tutta Italia.

Video intervista a IAD 2019
FEATURED

Puntata 76: Team’s self-organization with Denis Salnikov

We are very proud of our first international interview.
Probably our English should improve a bit, but we hope it will be the first of a long series.
We thank Denis Salnikov for the interview he gave us at the last Italian Agile Days in Modena.
We talked about how, as a scrum master or agile coach we should aim to bring the teams to a high level of self-organization because “A good Scrum Master will be indispensable to a team. A great Scrum Master will become both dispensable and wanted” [Scrum Mastery by Geoff Watts]

FEATURED

Puntata 75: Intervista a Nicola Moretto

Subito dopo le interviste di Agile Venture Firenze e subito prima di iniziare a pubblicare i contenuti creati a IAD2019 eccovi la bellissima intervista a Nicola Moretto, Agile Coach di Connexxo.
E’ stato difficile trovargli un titolo (e infatti non l’abbiamo messo 🙂 ) perché abbiamo parlato di tantissime cose, tra cui:

  • Come si approccia una Agile transformation
  • Come le aziende dovrebbero supportare i team in questo percorso
  • Quali driver dovremmo seguire per affrontare il cambiamento

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/20021648

FEATURED

Puntata 69: Agile Venture Firenze – Intervista a Ferdinando Santacroce

All’ Agile Venture Firenze abbiamo fatto 2 chiacchiere anche con il nostro amico Ferdinando Santacroce.
Dovendo fare le interviste non abbiamo potuto seguire il suo workshop “Testare l’intestabile“, ma per fortuna ci ha raccontato i punti salienti in questa breve intervista.
Vi è mai capitato di dover lavorare con una codebase con un pò di anni sulle spalle? E magari di voler iniziare a scrivere dei test, ma questo è risultato pressoché impossibile a causa del codice stesso?
Ferdinando ci spiega come si fa.. Codice Legacy, non ti temo.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19564533

FEATURED

Puntata 67: Agile Venture Firenze – Intervista ad Alessio Coser

Siamo arrivati a metà del nostro percorso di interviste all’ Agile Venture Firenze.
Siamo sul Track tecnico e Alessio Coser, speaker del talk “A Journey to Microservices Architecture“, ci parla di come si può arrivare ad una architettura a microservizi in modo iterativo ed incrementale, da dove poter iniziare e quali cambiamenti potremmo avere sui team e sulle persone.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19495212

FEATURED

Puntata 66: Agile Venture Firenze – Intervista a Fabio Armani e Giulia Armani

All’ Agile Venture di Firenze si è parlato molto anche di “persone” e il talk “Human Side of Agile” di Fabio Armani e Giulia Armani ne è stato un esempio.
In questa intervista abbiamo parlato di quanto, in una trasformazione Agile, gli aspetti umani siano davvero prioritari.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19484610

FEATURED

Puntata 65: Agile Venture Firenze – Intervista a Carlo Rizzi

Intervista numero 5 all’ Agile Venture Firenze.
Carlo Rizzi, fondatore della startup CherryChain e Agile enthusiast, ha accettato la nostra sfida ed è riuscito a parlarci del connubio tra LVT(Lean Value Tree) e DDD(Domain Driven Design) come strumenti per mantenere un agile trade-off tra logiche di produzione (spinte dal mercato) e d’innovazione (per creare qualcosa di nuovo) tramite l’esperienza diretta di CherryChain.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19456740

FEATURED

Puntata 64: Agile Venture Firenze – Intervista a Dimitri Favre

E’ arrivato il turno del nostro amico Dimitri, anche lui speaker dell’ Agile Venture Firenze.
E’ più efficace far fluire il lavoro alle persone o far fluire le persone al lavoro?
Dimitri ha risposto ha risposto a questa domanda con il Workshop “Stable teams over temporary Endeavor“.
L’obiettivo del workshop è quello di ragionare su come si possa gestire l’allocazione adottando come unità minima il team e valutare l’efficacia di questo approccio rispetto all’allocazione su base individuale.
Non avete potuto partecipare alla puntata e vorreste saperne di più?
Beh…buon ascolto.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19417843

FEATURED

Puntata 63: Agile Venture Firenze – Intervista a Francesca Gala e Matteo Arru

Un’ altra tappa del percorso che abbiamo fatto all’ Agile Venture Firenze.
Francesca Gala e Matteo Arru ci parlano del loro talk “Scrumming our HR transformation: un insolito case study
Ci hanno raccontato del case study Findomestic Banca per quanto riguarda l’adozione di Scrum per la ridefinizione delle politiche sulle risorse umane a seguito dell’introduzione di un approccio Agile nell’organizzazione.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19397421

FEATURED

Puntata 62: Agile Venture Firenze – Intervista a Marco Consolaro e Alessandro Di Gioia

Ecco la seconda tappa delle interviste all’Agile Venture Firenze.
Marco Consolaro e Alessandro di Gioia ci raccontano il loro workshop: Outside-In development guided by tests.
Workshop pratico in cui hanno guidato i partecipanti nell’implementazione e nella progettazione di software dal punto di vista del business, partendo da un criterio di accettazione e ovviamente guidato dai test.
Se volete saperne di più questo è il loro libro, Agile Technical Practices Distilled: A learning journey in technical practices and principles of software design.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19374532

FEATURED

Puntata 61: Agile Venture Firenze – Intervista ad Andrea Provaglio

Questa è la prima di una serie di interviste che abbiamo fatto agli speaker che hanno partecipato all’ Agile Venture Firenze.
Rispettando lo scheduling delle interviste partiamo pubblicando la chiacchierata che abbiamo fatto con Andrea Provaglio che ci ha parlato del suo Keynote:
Perché veramente le aziende e le persone si avvicinano all’Agile? Cosa davvero si aspettano di trovare, quali problemi realmente stanno cercando di risolvere?
Inoltre, cosa vuole dire “applicare Agile”?
Come possiamo trovare la nostra propria agilità?

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19318428

FEATURED

Puntata 60: Officina Agile intervista Agile Venture Firenze

Agile Venture Firenze è un evento interamente no profit, organizzato in collaborazione con l’Italian Agile Movement. L’evento ha la finalità di diffondere la cultura Agile in Italia.
In questa puntata intervistiamo il team organizzatore dell’evento che si terrà il 28 Settembre a Firenze.

Qui i dettagli

Parleremo del team, delle attività che seguono come ALT (Agile Lean Tuscany), di come allargare la community Agile in Toscana e ovviamente dell’evento.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19144727

FEATURED

Puntata 58: Diversity. Intervista a Mimma Lucchelli – 1 parte

Diversity all’interno di un team vs team e aziende create con lo stampino. Per diversity si intende tutto e niente, dato che possiamo trovare diversity in ogni qualsiasi sfaccettatura. uomini vs donne, junior vs senior, orientamenti religiosi e sessuali. Problemi e opportunità del mondo di oggi per dare uno sprint ai nostri sprint

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/19009499

FEATURED

Puntata 54: E se abbandonassimo gli story points?

Ron Jeffries in un recente articolo esordisce con la frase: ” I like to say that I may have invented story points, and if I did, I’m sorry now.”
Secondo noi il messaggio che voleva passare è che il loro utilizzo nasconde delle insidie, spesso vengono usati in modo improprio e proprio per questo potremmo provare ad evitarli e non stimare più le user story.
Come sappiamo, essere Agile, non vuol dire stimare bene, ma vuol dire trovare le cose più importanti da fare e farle rapidamente.
E fare questo significa fare piccole fettine ad alto valore, e iterare rapidamente.
Stimare le user story in story points non aiuta molto in questo, no?

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/18516676

Riferimenti

[1] Story Points Revisited

[2] Getting Small Stories

[3] Slicing, Estimation, Trimming

FEATURED

Puntata 52: Community of Practice

Come possiamo promuovere un ambiente in cui l’apprendimento diventa una pratica costante e finisce per diventare una caratteristica della cultura dell’organizzazione?
Ci sono vari modi ed esempi per creare organizzazioni che apprendono. Ci può essere il cosiddetto “Innovation Sprint“, oppure Talk in pausa pranzo dove si parla di nuove tecnologie o pratiche, in alcuni contesti le organizzazioni stabiliscono un budget per la formazione individuale, ma nella nostra esperienza, quello che abbiamo visto funzionare meglio sono le “Community Of Practice” o “CoP“.
In questa puntata scopriremo insieme ciò che rende le “Community Of Practice” una parte vitale di un’organizzazione Agile.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/18390448

Riferimenti

[1] Peter Senge. “The Fifth Discipline: The Art and Practice of the Learning Organization”

[2] Agile Manifesto

[3] Etienne Wenger-Trayner and Beverly Wenger-Trayner. “Introduction to communities of practice“.Wenger-Trayner ( 2015). [Accessed 30 November 2015] 

FEATURED

Puntata 50: Improvement Kata

Come rispondereste alla domanda: Quali schemi di pensiero e azioni pratichiamo e rinforziamo ogni giorno nella nostra organizzazione o nel nostro team?
L’ Improvement Kata è un modello fondamentale per migliorare, adattare e innovare.
E’ un lavoro scientifico, orientato all’obiettivo e non di semplice reazione ai problemi.
Attraverso una routine in 4 passi, rende il processo di continuous improvement un’abitudine quotidiana:

  • Stabilire un obiettivo, una vision a medio lungo termine
  • Comprendere la situazione attuale
  • Stabilire la condizione desiderata
  • Iterare con esperimenti verso la condizione desiderata

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/18041056

 

Riferimenti

[1] Toyota Kata. Gestire le persone per il miglioramento

[2] The Improvement Kata in 10 minutes

[3] The Improvement Kata

 

FEATURED

Puntata 47: Working Agreements con Antonio Fazio

I Working Agreements sono uno strumento prezioso da utilizzare per stabilire una comprensione condivisa e un modo di lavorare in Team.
In questa puntata ne parliamo insieme ad Antonio Fazio, coach di Agile Reloaded

  • Che cosa sono
  • Perché sono importanti per un team SCRUM (e non)
  • Come possiamo co-crearli con il team
  • Quando è opportuno stabilirli, suggerimenti su come ricordarseli e in che occasione aggiornarli

Il formato del workshop spiegato da Antonio prevede l’utilizzo di un team canvas ed è contornato da esercizi di pensiero laterale, icebreakers e strumenti di facilitazione.

Vi assicuriamo che a partire dal giorno dopo sarete in grado di crearli insieme al vostro Team.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/18041056

FEATURED

Puntata 46: Retrospettive da remoto con Trello

Nell’era del lavoro “remote friendly” in cui uno o più membri del team lavorano parzialmente o a tempo pieno da remoto, è sempre più difficile riuscire a fare con regolarità retrospettive nella stessa stanza guardandoci negli occhi.
Data l’importanza di questa cerimonia per un team, dobbiamo organizzarci e trovare un modo di renderla ugualmente efficace.
Ci sono un sacco di software a pagamento che potrebbero fare al caso nostro, ma in questa puntata vi raccontiamo come farlo con uno strumento gratuito: Trello!

Ecco l’occorrente:

  • Un account Trello per ogni membro del Team
  • Un facilitatore
  • Un timer
  • Uno strumento di comunicazione (MS Teams, Google Hangouts, Skype, Slack …)

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/17798815

Link Utili

Video conferenza: Jitsi-meet

White-Boards: Zite-Board

Riferimenti

[1] Agile Retrospectives Making Teams Great

FEATURED

Puntata 44: Technical skills per avere successo con Agile

Di quali skill tecniche abbiamo bisogno per aver successo con #agile, ovvero essere in grado di creare prodotti #software di successo?

E quali sono le pratiche che potrebbero aiutarci a raggiungere questo ambizioso obiettivo?

  • Story Slicing
  • Testing
  • TDD
  • ATDD
  • Refactoring

Per riuscire a creare incrementi di prodotto potenzialmente rilasciabili, di qualità e di valore per cliente in ogni iterazione, non basta creare un team e “fargli fare” Scrum, ma servono competenze ben precise, che vanno imparate e che richiedono un sacco di impegno per essere padroneggiate.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/17798815

Riferimenti

[1] Technical Skills

FEATURED

Puntata 42: Perché usiamo gli Story Points per le stime?

Spendere tanto tempo per arrivare ad una stima non aumenta necessariamente la precisione della stima.
Uno “Story Point” è una unità di misura relativa, decisa e utilizzata dai singoli team Scrum, per fornire stime relative dell’ effort necessario al completamento delle funzionalità.
Gli Story Points hanno lo scopo di facilitare la stima del team. Invece di guardare un elemento del Product Backlog e stimarlo in ore, i team considerano solo quanto effort richiederà un elemento del backlog rispetto ad un altro elemento del backlog.
Gli Story Points forniscono stime più accurate, riducono drasticamente i tempi di pianificazione, predicono in modo più accurato le date di rilascio e aiutano i team a migliorare le prestazioni. Le ore danno stime peggiori, introducono grandi sprechi di tempo nel sistema, ostacolano la pianificazione del rilascio del Product Owner e confondono il team su quali miglioramenti del processo abbiano realmente funzionato.
Anche se è risaputo che le migliori stime sono date da chi effettivamente farà il lavoro, ma in un team Scrum non sappiamo in anticipo chi sarà. Pertanto, la stima dovrebbe essere un’attività collaborativa per il team.
Un modo divertente ed efficace per il team di pianificare in Story Points è il “Planning Poker“. Nel “Planning Poker“, ad ogni membro del team viene assegnato un mazzo di carte con una stima valida riportata su ogni carta (tipicamente un numero della serie di fibonacci). La funzionalità da stimare è discussa fin quando non sarà sufficientemente chiara per tutti, dopo di che ogni membro del team seleziona la carta che rappresenta la sua stima. Tutte le carte sono mostrate nello stesso tempo. Le stime vengono discusse e il processo viene ripetuto fino a quando non viene raggiunta una stima condivisa.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/17588727

Riferimenti

[1] Story Points Estimate Effort Not Just Complexity

[2] Story Points: Why are they better than hours?

[3] Agile estimating and planning

FEATURED

Puntata 40: Il Potere della visualizzazione con Barbara Bellini

Insieme a Barbara Bellini, Scrum Master & Agile Facilitator di DOCOMO Digital, parliamo dell’importanza e del potere che ha la visualizzazione del lavoro all’interno di un team.

Tutti sono informati, anche senza chiedere.

Se nella stanza di un team c’è una board che esprime chiaramente quello che si sta facendo, si riescono ad attivare un sacco di processi positivi: le persone hanno consapevolezza di quello che stanno facendo gli altri, tutti sono in grado di capire (e a volta di prevenire) colli di bottiglia, errori di pianificazione, cattiva distribuzione del carico.

 

Potete collegarvi con Barbara Bellini su LinkedIn o visitare il suo sito Agile Babel.

Puntata Podcast

https://www.spreaker.com/episode/17450804

FEATURED

Puntata 38: Agile Marketing con Deborah Ghisolfi

Agile Marketing è sia un “modo di essere” che un insieme di processi da mettere in campo per diventare veloci nel raggiungere gli obiettivi. Ovviamente si basa su:

  • Lavorare in modo visuale
  • Trasparenza e condivisione con clienti interni ed esterni
  • Focus sulle persone e sulla loro crescita
  • Learning by doing

Insieme a Deborah Ghisolfi di Agile Marketing Italia, faremo un viaggio nei vari aspetti dell’Agile applicato al marketing e in particolare ci concentreremo sul tema della centralità del cliente e su cosa significa creare valore per il cliente in modo ciclico e a passo costante.

Potete collegarvi con Deborah Ghisolfi su LinkedIn o connettervi con Deborah Ghisolfi su Twitter.

Puntata Podcast

 https://www.spreaker.com/episode/17303823

 

Riferimenti

[1] Agile Marketing Manifesto

FEATURED

Puntata 37: Kanban cadences

Kanban cadences. A prima vista sembrerebbero altri meeting ai quali gli sviluppatori vorrebbero suicidarsi.

In realtà sono incontri opzionali da adottare e che possono servire a un completo allineamento fra le varie componenti dell’azienda

Buon Ascolto..

Puntata Podcast

Spreaker: https://www.spreaker.com/episode/17251914

FEATURED

Puntata 26: Team performanti con la Psychological Safety

Il successo di un team non è determinato tanto dalle caratteristiche dei membri che la compongono, ma dal tipo di interazioni che si creano tra loro.

Da uno studio pubblicato da Google, emerge che la caratteristica più importante di un team performante è la “Psychological Safety” ovvero la percezione soggettiva dell’individuo, che emerge quando all’interno di un team si decide di assumersi un rischio personale.

Più un individuo si sente a proprio agio nell’assumersi un rischio nel contesto di un team, maggiore sarà l’efficacia del team stesso.

Quindi come possiamo aumentare il livello di sicurezza psicologica nel nostro team? 

Schiaccia play e scoprilo con noi. Buon Ascolto!

Puntate Podcast:

Spreaker: https://www.spreaker.com/episode/16403903

Riferimenti:

– https://hbr.org/2017/08/high-performing-teams-need-psychological-safety-heres-how-to-create-it

– https://www.nytimes.com/2016/02/28/magazine/what-google-learned-from-its-quest-to-build-the-perfect-team.html?_r=0

FEATURED

Puntata 10: Yesterday’s weather

Yesterday’s weather

I pattern di Scrum, come i design pattern, sono soluzioni comprovate a problemi ripetibili, dato un contesto particolare.

ScrumPLoP (www.scrumplop.org) è la risorsa principale per questi pattern, sulla home page troverete una breve sinossi di alcuni dei pattern più popolari e utili, scritti da Jeff Sutherland: Stable Team, Daily Clean Code, Scrumming the Scrum.. e il pattern di cui parleremo oggi Yesterday weather.

Buon Ascolto..

Puntate Podcast:

Spreaker: https://www.spreaker.com/user/10553302/yesterday-weather

Itunes: 

Riferimenti

http://www.scrumplop.org/

https://www.scruminc.com/yesterdays-weather/

FEATURED

Puntata 6: Managing for happiness – Kudo box & Kudo cards

Managing for happiness – Kudo box & Kudo Cards

Questo della serie “Books” è un esperimento, il nostro obiettivo è quello di dedicare delle puntate a fare una sorta di riassunto di capitoli di libri che ci sono particolarmente piaciuti o che riteniamo importanti in modo da facilitare chi non riesce a leggere libri, a tema agile ovviamente, per mancanza di tempo o di scarsa conoscenza della lingua inglese

In questo modo, qualsiasi ritaglio di tempo, dalla pausa pranzo al tragitto casa-lavoro, potrà essere utile per aggiornarsi e magari farsi un’idea più precisa del libro in questione e fare un acquisto consapevole.

“Managing for Happiness: Games, Tools, and Practices to Motivate Any Team” raccoglie una serie di giochi, strumenti innovativi e semplici pratiche che possono essere usate per motivare team, cambiare la cultura aziendale, aumentare la produttività e promuovere l’innovazione in tutta la tua azienda. Perchè tutti meritano di lavorare in un’organizzazione più felice. 🙂

Nel primo capitolo si parla di motivazione e meccanismi di rewards.

Buon Ascolto..

Puntate Podcast:

Spreaker: https://www.spreaker.com/user/10553302/kudos

Itunes: https://itunes.apple.com/it/podcast/managing-for-happiness-kudo-box-kudo-cards/id1385502718?i=1000414278395&mt=2

Riferimenti

https://management30.com/product/managing-for-happiness/

https://management30.com/product/kudo-cards/

http://kudobox.co/

FEATURED

Puntata 91: 3 modi per torturare il tuo Scrum Master

Vorresti torturare il tuo Scrum Master, o semplicemente fargli uno scherzo?
Abbiamo trovato queste 3 idee da cui puoi prendere ispirazione. Non ti resta altro che essere più credibile possibile e goderti la scena

Puntata 87: Agile senza Agile

A volte si fa fatica a spiegare cosa sia Agile, la parola stessa Agile può confondere chi ci sta ascoltando, se non spaventare.

Proviamo a spiegare cosa sia, partendo dai principi e facendo una considerazione sui cambiamenti che ci sono stati alla nostra economia.

Puntata 85: Agile Talks con Massimo Sarti

Massimo è nell’IT sin dai tempi dello ZX81, del TI99/4A e dell’Apple II che ha usato per i suoi primi programmi in Basic e Assembler. Sin dagli anni Novanta, ha usato e promosso l’utilizzo di RAD, RUP, Iterative Development, eXtreme Programming e, più recentemente, Scrum, Lean IT e Kanban. Nel corso della sua pluridecennale carriera ha formato decine di persone nei vari campi dell’IT: dalla programmazione alla gestione dei progetti, dalla integrazione dei sistemi alla gestione di un service desk. È trainer certificato con il metodo “Training from the BACK of the Room”. È l’organizzatore del gruppo di meetup Agile Talks che nasce per diffondere a titolo gratuito le conoscenze sulle metodologie e sui framework agili. Attualmente lavora come Agile Coach e come consulente IT.

Proprio di Agile talks ci parlerà in questa puntata. Oltre alle iniziative che svolge, ci a una serie di consigli su come organizzare un meetup, cosa frena, cosa spinge alla grande, buoni propositi e un po’ di storia.